mercoledì 6 marzo 2013

Appunti dal bosco e minestra di polenta




 

Questa magnifica quercia secolare si trova in Valsesisa, a pochi passi da Villa del Bosco (BI), le abbiamo fatto visita il 06 gennaio in una giornata inaspettatamente calda, abbiamo passeggiato in maglietta. Il contrasto tra il calore e la veste del bosco, la luce nel cielo invernale, conferiva all'insieme qualcosa di estremamente irreale, come fuori dal tempo e dalle stagioni.         

Saluto al Grande Albero! particolare del tronco

Un altro luogo e un'altra giornata, le foto qui sotto risalgono a qualche settimana fa, ancora in pieno inverno. Un giro nei boschi della Serra, nei dintorni di casa:



e cammina e cammina...



Intreccio con Betulla


  
 

Famiglia Castagno

Grande castagno

 

















La Signorina GiovinCastagno







Ed ecco la Gentilissima Signorina GiovinCastagno che mi suggerisce cosa fare per cena al mio rientro dalla bella passeggiata nel bosco, un piatto semplice e antico: una minestra di polenta.
Minestra di polenta:
1 bel cavolo dell'orto*
120 gr. farina di mais
Lt.2 di brodo vegetale
ricotta affumicata grattuggiata
1 noce di burro
Salvia

Tagliare il cavolo a quadrotti e stufarlo con 2 cucch. di olio evo in una pentola, salare leggermente e coprire in modo che il cavolo si lasci andare un po', aggiungere il brodo vegetale, è ammesso aggiungere acqua e dadofattoincasa direttamente in pentola, dato che trattasi di una non-ricetta. Quando il brodo con il cavolo bolle aggiungere la farina di mais (frusta a portata di mano) e lasciar cuocere almeno 40min. Alla fine aggiungere il formaggio grattuggiato, la salvia e la noce di burro. Al posto del burro l'avrei provato con un giro di olio di noci, ma l'avevo finito. La farina è macinata a pietra, la qualità di mais è marano e ottofile, biosenzabollino, acquistata dai miei preziosissimi fornitori.
* ormai è rimasto solo il cavolo nell'orto, un po' di orgoglio tra gli ingredienti ci può stare!

2 commenti:

  1. Belle le fote del bosco del grande albero e della sua possente pelle. E bella la ricetta invernale di zuppa. Non c'è che dire sei bravissima! Complimenti per la foto della Cincia è bellissima, ed il frutto rosso è li che fa l'occhietto...ma già ti dissi di ciò. Sei bravissima!!!!

    RispondiElimina