mercoledì 25 settembre 2013

Torta ripiena con pesche e amareti



L'impasto base di questa torta mi piace, intanto ha un rapporto farina/burro accettabile (per me) e anche perché non mi ha mai delusa, malgrado io abbia messo alla prova la sua riuscita più volte.
Apportare delle varianti alle ricette è più di un vizio, a volte lo faccio quasi senza accorgermene, mi viene e basta. Vuoi che in casa non abbia gli ingredienti giusti ma abbia deciso di fare comunque la torta in quel momento, vuoi per altri motivi, di fatto ho già provato quest'impasto con farine di mais, di farro, di segale etc. con miele al posto dello zucchero e con l'olio al posto del burro etc. e non mi ha mai delusa, sono sempre riuscita ad ottenere il mio focaccione di frutta, non troppo grasso e non troppo dolce.
Ormai l'avrete capito che sono una frequentatrice della via di mezzo...
La ricetta originale prevedeva i classici ingredienti raffinati farina e zucchero bianchi ed il ripieno di mele. Anche per il ripieno negli anni ho provato diverse varianti stagionali o casuali: con prugne, con fichi + noci + miele + cioccolato (goduria), etc.
Questa volta l'ho provata con le pesche condite con gli ingredienti che si usano per le pesche ripiene.
La ricetta è sul mio quadernino dei dolci da alcuni anni e sapete dove l'ho scovata? Su una bustina del lievito, sì, quelle classiche con il loro aroma vaniglia, quelle che oramai non compro più da secoli, ora uso le bustine con bicarbonato e cremortartaro. Ebbene devo dare atto e ringraziare la premiata ditta di lievito per questa malleabile ricetta, che mi piace molto.


per l'impasto: (per una tortiera da 24 cm)
300gr. di farina grano tenero integrale (tipo 2)
 50 gr. di farina di mais integrale (il tocco di mais ci sta benissimo)
  80gr. di  di zucchero integrale (invece di....165...*)
100gr. di burro
   1 uovo
   1 vasetto di yogurt bianco (intero)
   1 bustina di lievito

Disporre sulla spianatoia le farine e lo zucchero, il burro a tocchi e cominciare ad impastare, aggiungere l'uovo intero e una parte di yogurt ed amalgamare, infine aggiungere il lievito stemperato nel restante yogurt. Fare una palla e lasciar riposare in frigo.

per il ripieno:
  4 pesche gialle
50gr. di mandorle
50gr. di amaretti (li ho trovati senza aromi o altre porcherie)
 3 cucch. di cacao (ecosolidale)
 2 cucch. di zucchero integrale

Tritare le mandorle con gli amaretti ed il cacao, tagliare le pesche a fettine e condirle con lo zucchero.

Dividere l'impasto in due, stendere e disporre nella teglia imburrata ed infarinata, spargere metà del trito di mandola-amaretti sulla base e sistemarvici sopra le pesche, ricoprire le pesche del restante trito e ricoprire la base con l'altro disco di impasto. Bucherellare la superficie ed infornare a 180°, cuocere a  x 40 minuti.
Appena fatta era perfetta ma il giorno dopo la base sotto si è un po' inumidita ed è diventata un po' molle, pur avendo messo appositamente  il trito a contatto con l'impasto per asciugare le pesche. L'unica soluzione che mi viene in mente per ovviare il problema è: mangiatela tutta il giorno stesso!!!

* riduco spesso le dosi di zucchero...e da anni non uso molto sale, cosa c'entra il sale?
 è stato dopo un pranzo da me che proprio assaggiando questa torta mio cognato ha detto:
"Ma Su, fai le cose salate senza sale e le cose dolci senza zucchero!"

12 commenti:

  1. Piace anche a me il rapporto farina /burro di questa torta......direi anche io che va mangiata il giorno stesso.....
    francesca

    RispondiElimina
  2. Farine superlative (ora mi hai messo il cruccio della farina di mais integrale ^_^) e ripieno irresistibile: hai creato un dolce avvincente. Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quella che ho usato è quella del link che ho aggiunto ad integrale, grazie al la tua osservazione. Ci sono anche farine integrali più gialle, questo dipende dalla qualità del mais, si nota che sono integrali perché insieme al giallo c'è il bianco del germe...non so se mi spiego.

      Elimina
  3. Sai che anche io ho scoperto che poca farina di mais dà quella croccantezza che tanto mi piace? Buona la tua torta, me ne prendo un pezzettino, posso? Buona giornata

    RispondiElimina
  4. Yum! Direi che sembra squisita!
    A presto :D

    RispondiElimina
  5. Che bontà! Ottima dritta sulla farina di mais nei dolci! Grazie per aver condiviso :)
    P.S. Che simpatico tuo cognato! :D
    Baci

    RispondiElimina
  6. Mi piace molto la tua frolla con poco burro, penso di adottarla!!!
    Grazie per essere passata da me!
    A presto ;)

    p.s. Le cince sono altri uccellini che adoro e sicuramente ne farò delle mollettine, in fondo basta utilizzare l'azzurro e il giallo! :)))))))

    RispondiElimina
  7. molto interessante l'impasto e le farine adoperate

    RispondiElimina