mercoledì 5 febbraio 2014

Risotto al cavolo nero +++



Un risotto caldo e colorato, ecco cosa ci vuole per queste giornate grige e piovose!
Apprezzo moltissimo tutte le coniugazioni e combinazioni di verdure, e trovo che ad un risotto di sole verdure non manchi assolutamente nulla. Trovandomi con un avanzo di pancetta, lascito di una velocissima e golosa ricetta che documenterò prossimamente, le ho prontamente infilate in questo risotto. 
L'abbinamento cavolo nero e pancetta non è nuovo per me, già visto e gustato in un favoloso condimento per pasta che mio padre mise in opera anni fa che io ben ricordo e replico a mio modo e della quale non vi potrò mai svelare la ricetta senza il suo consenso. (ecchevelodicoafare??? soloperchèscrivoaruotalibera)
A proposito di famiglia, provenienza e tradizioni o chiamatele anche "manie culturali", ci tengo a sottolineare cosa intendo per Risotto. 
Il Risotto è quel piatto che prevede una serie di passaggi dalla tostatura del riso, all'aggiunta del brodo a poco a poco, mantecatura e riposo finale. 
Quei piatti con il riso cotto nell'acqua/brodo versata tutta in una volta per me non sono risotti, del resto "risottare" è in voga ormai anche per ricette di pasta o altro e sta ad intendere il procedimento di aggiungere liquido solo ad avvenuto assorbimento di quello messo in precedenza. Con questo io sono un'assidua consumatrice di cereali, risi orientali, risi integrali preparati ognuno col metodo di cottura più consono e mi è capitato a volte quando non stavo bene di prepararmi un riso bianco senza soffritto e cotto nell'acqua messa in una volta sola, ma una cosa è certa, nessuna di queste preparazioni le chiamerò mai Risotti. Con questo lungi da me fare delle mie convinzioni una norma generale ed universale, voi fate come volete ma sappiate che in questa sede vige per me questa inevitabile regola. Ed ora passo a "risottare".



Ingredienti:
250 gr. di riso carnaroli 
1 mazzo di cavolo nero
1 carota
3 cucch. di salsa di pomodoro
3 cucch. di trito cipolla sedano carota
3 fette di pancetta arrotolata 2mm
brodo vegetale circa 1Lt e 1/2 (?)
1/2 bicchiere di vino bianco
parmigiano grattuggiato
1 noce di burro
Olio Evo
sale e pepe q.b.


Preparare il brodo vegetale e lasciarlo sul fuoco al minimo in modo che sia caldo e pronto all'uso.
In una padella con poco olio saltare le carote a tocchetti, dopo pochi min. aggiungervi il cavolo a listarelle, salare e coprire. Dopo 5 min. aggiungervi i cucchiai di salsa, amalgamare per qualche altro minuto e spegnere il tutto. 
Dato che solitamente metto molta verdura in proporzione al riso, preferisco cuocere separatamente la verdura ed aggiungerne un poco per volta per dar gusto al risotto. In questo modo mi pare che la verdura rimanga più viva e croccante ed il risotto rimanga più legato.
Mettere dell'olio Evo in padella e soffriggervi il trito cipolla sedano carota (io ne ho dei cubi già pronti in freezer), aggiungervi la pancetta ed infine il riso, tostare per bene qualche minuto e sfumare con il vino bianco. Quando sarà evaporato aggiungere tanto brodo quanto sarà necessario a coprire il riso, lasciare assorbire ed aggiungerne nuovamente solo ad avvenuto assorbimento del precedente. 
Quello che raccomando ai meno esperti è di non mescolare in continuazione come fosse una polenta, a volte l'ho visto fare. Si gira dolcemente controllando che non attacchi e si lascia lì il riso a gonfiarsi nel brodo, farà da solo ciò che deve.
Dopo circa 10min. aggiungere qualche cucchiaiata del composto di verdure, poi ancora brodo, verdure etc. In questo modo il risotto manterrà la temperatura di cottura regolare. Aggiungere il formaggio e ancora brodo. Dopo circa venti minuti di cottura il riso dovrebbe essere pronto, ma questo varia molto da una qualità all'altra, quindi è d'obbligo assaggiare e fare attenzione con le ultime mestolate di brodo. 
Quando si spegne il riso dev'essere giusto giusto in modo da poter riposare qualche minuto coperto mentre la noce di burro si scioglie.
A casa nostra il Risotto riposa direttamente in tavola, mentre noi attendiamo silenziosi ed impazienti.




20 commenti:

  1. Meraviglioso risotto! Ho scoperto il cavolo nero, o meglio, il suo utilizzo in cucina solo ultimamente e ne sono rimasta conquistata. In un risotto, poi, deve essere straordinario! Bravissima!
    Un abbraccio
    MG

    RispondiElimina
  2. un signor risotto....con cavolo nero deve essere davvero godurioso....io mi accontento di tutte le verdure :D

    RispondiElimina
  3. Sono con te sulla premessa: anche per me il risotto è solo quello cucinato come dici tu. Un procedimento un po' lungo (io uso quello integrale) ma che regolarmente "adoro" fare (mio marito mi prende in giro e dice che sono le origini piemontesi della mia famiglia...) e non mi pesa affatto. Complimenti, ottima ricetta! La metto da parte...

    RispondiElimina
  4. che bella ide ail cavolo nero in risotto mi piace l'aggiunta della carota che da un nota dolce

    RispondiElimina
  5. Che buono, è una vera coccola :) Grazie tante per tutte le delucidazioni in merito!

    RispondiElimina
  6. Condivido in pieno le tue precisazioni; risotto è quello con la tostatura, cottura lenta e con aggiunta di brodo e via di seguito. Se metti il liquido tutto insieme è un altra cosa. io sono una specialista di risotti e questo mi sembra un Signor risotto, Peccato per il cavolo nero che mangerei solo io, mio marito odia tutta la famiglia dei cavoli, purtroppo! Fortuna che a volte viene mia figlia a mangiare da me e mi rifaccio. Il marito mangia pane e formaggio e guarda.

    ps ho scoperto che sei la sorella di Fra, non lo sapevo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Terry, è da un po' che non vedo tue creazioni.
      Mia sorella è Isa, ovvero abbiamo anche una sorella Francesca, ma quella che conosci è Isa ; )

      Elimina
    2. No, veramente è proprio Francesca che vive in Calabria :)))

      Elimina
  7. el risott!come si dice qua a Milano, è una cosa seria....hai ragione.ma sai che col cavolo nero non l'ho ancora provato?rimedierò (ovviamente senza pancetta).
    ciao e buon dine settimana.
    valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo certo anche senza ciccia andrà benissimo, è così gustoso il cavolo nero!

      Elimina
  8. ...ammirata da questo risotto!
    francesca

    RispondiElimina
  9. Il cavolo nero è di casa qui da me, ma di metterlo nel risotto non ci avevo mai pensato! Idea che ti ruberò molto presto. Un bacione, Pat

    RispondiElimina
  10. Come dice la Pat, il cavolo nero l'ho sempre mangiato, ma quasi sempre in zuppa! O sui crostini.

    Cristina
    The Style Avenger

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina...aspetto i tuoi post ; )

      Elimina
  11. ciao, sai che non ho mai provato il cavolo nero? ma vedo da queste ricette e molte altre che hai, che sono davvero molto interessanti. complimenti!
    grazie per il tuo commento, troppo gentile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Vaty. E' un cavolo profumato e per niente aspro, chissà che non venga bene anche in versione orientaleggiante, probabilmente sì.

      Elimina
  12. Le ricette segrete di famiglia... A Natale ho chiesto quella del patè a mio papà e ha fatto finta di non ricordarsene... Pensa te!
    Io il cavolo nero l'ho scoperto recentemente e mi piace tantissimo, lo utilizzo per le zuppe ma la tua idea del risotto è fantastica.
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, bella questa del paté. Io la ricetta del paté di famiglia ce l'ho, era una ricetta della nonna e sai che ti dico? Che mia nonna era un bel tipo, secondo me avrebbe compreso lo spirito dei blog e sarebbe stata contenta di condividerla, così mi piace pensare. Ricambio il bacio!

      Elimina