domenica 10 agosto 2014

Calamarata al polpo


Questa pasta la dedico a chi si trova in riva al mare o a chiunque lo sogni e lo aneli tra sé...
Quando vedrete questo post sarò in viaggio verso il mare o in viaggio sul mare o approdata in Corsica, meta delle mie vacanze. Non sarò affatto connessa, no smartphone, no i-pad, nada de nada ... a turbar lo mio riposo. L'urgenza e la necessità della vacanza mi pare siano più che evidenti dalle mie parole, quindi passo immantinente alla ricetta.
L'idea di questa pasta mi è venuta dopo aver letto le indicazioni di cottura del polpo della bravissima Valentine di an experimental cook, lei ci spiega che il polpo si cuoce nell'acqua sua, trovate da lei indicazioni e consigli in merito. In questo modo si otterrà una delizia, un polpo saporitissimo, l'avevo provato anni fa e me n'ero completamente dimenticata, grazie ai suoi suggerimenti l'ho riprovato ed ho deciso di sperimentarlo con la pasta. Con questo tipo di cottura il polpo rilascia una sorta di crema legante, che andrà a mantecare il vostro condimento. Per questo ho scelto una pasta consistente, in modo da scolarla al dente, risottarla a lungo e far assorbire il sugo per ottenere il massimo del sapore.

Ingredienti:
1 polpo da 500gr. circa
1/2 litro di passata di pomodoro
1 spicchio d'aglio
prezzemolo abbondante
olio Evo e sale e pepe q.b
2 semi di cardamomo e 1 pz. di zenzero facoltativi

Cuocere il polpo come indicato da Valentine, io ho usato un tegame e l'ho cotto circa 35min. con qualche seme di cardamomo e un micro pizzico di zenzero. Rimettere sul fuoco basso la stessa padella dove avremo cotto il polpo, a fuoco basso perché il prezioso sughetto di cui vi parlavo non si attacchi, con olio evo e aglio, aggiungere la passata e dopo qualche minuto il polpo tagliato a tocchetti, sale pepe e cuocere a fiamma bassa per almeno 10 minuti in modo da insaporire per bene il sugo. Bollire la pasta, scolarla decisamente al dente, e rigirarla abbondantemente nel sugo, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura tenuta da parte, se necessario. Spargere il prezzemolo tritato con una briciola di aglio (se vi piace anche un po' di più) e servire.

Buone Vacanze!

6 commenti:

  1. Mi incuriosisce l'aggiunta del cardamomo. Da provare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, in realtà le vacanze sono finite, avevo programmato il post per il 10 ma non è andato in "onda" e così anche per il prossimo post. Qualche mese fa ne avevo programmato uno ed aveva funzionato, ora no. Misteri del web...

      Elimina
  2. sai che questo metodo di cottura non lo conoscevo è da provare, un ottima dritta

    RispondiElimina
  3. Questo metodo è fantastico, ci provo appena mi capita a tiro un polpo!! Buone vacanze nel frattempo

    RispondiElimina
  4. sì, dai provatelo, sono curiosa dei vostri esperimenti.

    RispondiElimina