mercoledì 24 settembre 2014

Budino al latte d'avena con pesche e amaretti


Mettiamo al calar del sole vi trovaste a passare in una stradina, dietro al cancello una donna seduta, in ginocchio, mezza stesa a terra, si divincola sul selciato del giardino prostrandosi davanti a due coppette dal contenuto color cioccolato con la macchina fotografica in mano. So, lo so che voi capireste, sapreste e non pensereste che la casa sia abitata da una squinternata, una dissennata in preda a manie ossessive e compulsive, vi sarebbe chiaro e lampante che la persona in questione non è altro che una blogger alla ricerca disperata dell'ultimo riflesso di luce utile. Utile ma non sufficiente a quanto pare, le foto sono terrificanti, ma non fuggite, vi prego: il budino è buono e delicato.



Ingredienti:
1/2 litro di latte d'avena autoprodotto
3 cucch. di cacao amaro ecosolidale
3 cucch. zucchero di canna chiaro
2 cucch. di maizena
2 pesche mature
1 cucch. zucchero di canna chiaro
2 cucch. acqua
50 gr. di amaretti o 50 gr. di mandorle

Sbucciare le pesche, tagliarle a tocchetti e cuocerle per 5 minuti con 2 cucch. di acqua e 1 di zucchero.
Tritare gli amaretti o le mandorle, disporli al fondo delle coppette, unirvi le pesche e un po' del loro sughetto.
Stemperare il cacao, lo zucchero e la maizena aggiungere il latte a poco a poco senza fare grumi, mettere sul fuoco, portare a bollore per un minuto e spegnere.
Versare il budino nelle coppette preparate, lasciar raffreddare e riporre in frigo.
Ho usato degli amaretti che avevo in dispensa, tradizionali e artigianali. Per aver un dolce vegan sostituire con delle mandorle (o amaretti vegan).


26 commenti:

  1. Le foto non sono "terrificanti", ma danno l'idea della bontà del tuo budino!!! Con le pesche non l'ho mai fatto, ma trovo sia una buona idea...
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo buona Flora, diciamo che è più buono che fotogenico ; )

      Elimina
  2. Ahahaha che scenetta!!!
    Buonissimo il tuo budino, lo vorrei tanto per merenda... quindi adesso! Lo faccio appena posso, mi sembra facile ;) Baci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, cara, è velocissimo e sai che ti dico, ora le pesche sono agli sgoccioli, ma si può rifare con le pere e le nocciole magari. Buona merenda!

      Elimina
  3. che bravi ti produci anche il latte s'avena, dovremmo farlo tutti grazie dell'esempio e della ricetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, guarda è davvero veloce da preparare. Dato che, se non si era capito, mi piacciono le cose semplici evito di comprare i latti vegetali già pronti, la maggior parte contiene sempre anche altro (tipo oli vegetali & company).

      Elimina
  4. Ciao Su! Non posso che essere d'accordo con te sul fatto che amaretti e pesche sono un insieme fantastico:) Per quanto riguarda la foto ho avuto più o meno gli stessi problemi tempo fa con delle coppette di mousse al cioccolato ma ancor di più, ricordo, con dei moscardini alla diavola che decisamente non sono fotogenici!
    Felice di ritrovarti!
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già, la faccia del moscardino non è un granché ; )

      Elimina
  5. Ciao Su!!!
    quanto amo l'abbinata cacao-amaretti-pesche...mi ricorda le pesche al forno che mi preparava la nonna...l'idea di farci una golosa mousse mi piace un sacco!
    e ... cosa non si fa per l'ultimo raggio di sole?!? come ti capisco!!!!
    :-)))

    RispondiElimina
  6. Ciao Su, tranquilla, io non me ne vado, appena hai finito di trafficare con la macchina fotografica, ci mettiamo sedute e ci gustiamo il tuo dolce.... un bacione :)

    RispondiElimina
  7. Aahahahhh vero Su, noi ti capiamo benissimo perchè di certo è capitato anche a noi! Il latte di avena non lo avevo mai sentito, interessante davvero. Comunque questo dolce pesche cacao, amaretti uhmmmm buono. Dai le foto non sono proprio terrificanti. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, voi mi capite, ma qualche comare del mio paesello sarebbe rimasta basita. ma non mi faccio tanti problemi dato che a volte pratico anche yoga in giardino (scandalo!) ... tanto non passa quasi mai nessuno ; )

      Elimina
  8. Ottimo budino, sarà sicuramente buonissimo! La ricetta del latte d'avena auto prodotto incuriosisce tanto.
    Complimenti, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Seddy, non ho ancora avuto modo di curiosare dalle tue parti, lo farò al più presto.

      Elimina
  9. Buonissimo il tuo dessert! Complimentiiiii
    Tranquilla per le foto, capita a tutti! Quasi quasi mi autoinvito!
    Ti abbraccio
    ciaooo

    RispondiElimina
  10. No dai le foto sono buone e rendono bene la qualità del tuo budino.Ottimo
    A presto

    RispondiElimina
  11. Come mi riconosco in questi tormenti fotografici! :)
    Comunque le foto non sono affatto terrificanti! Ed il budino è magnifico e leggero! Splendido spunto!
    Un abbraccio grande,
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo buona Maria Grazia,
      abbraccio ricambiato!

      Elimina
  12. ma noi blogger veri, capiamo anche quando non ce la foto il tipo di ricetta, non ci facciamo deviare dagli effetti speciali, leggiamo e ci proiettiamo la ricetta :-)
    e questa è molto interessante

    RispondiElimina
  13. Io ti adoro. China su queste coppette, nella produzione casalinga di un latte d'avena, nella scelta di ingredienti così sani e preziosi..... Vuoi che a te non riuscirebbe un semplicissimo burro di arachidi????? Ajhahahahahahahah
    Ma che la posso assaggiare una cucchiaiata di questa avvolgente meraviglia?

    RispondiElimina