venerdì 10 aprile 2015

Crostata di mandorle


Questa è la crostata di mandorle che avrei voluto provare da tempo, la ricetta viene dall'immancabile e più volte citato "Ricette Tradizionali Italiane" di Anna Gosetti della Salda Ed. Solares, la regione è il Friuli Venezia Giulia, ric. n° 702. Finalmente l'ho provata, si prepara  piuttosto velocemente una volte che avete la vostra farina di mandorle pronta. La ricetta suggerisce di usare solo mandorle spellate, ma dato che sono la solita integralista ho optato per fare la base con le mandorle non spellate ed il ripieno con le mandorle spellate. Quelle con la pellicina sono molto più buone perché le compro dai miei bravi fornitori speciali, mentre quelle spellate arrivano dai tristi sacchettini e non sanno di molto. Certo, direte voi, potevi spellarti quelle buone, e allora cosa vi dico a fare che sono un'integralista... io intendevo nel senso della pigrizia, mica nel senso delle pellicine  ; )
In realtà le avevo giuste giuste per procedere come segue:

Ingredienti:
400 gr. di mandorle, delle quali 200gr. con pellicina e 200gr. senza
180 gr. Zucchero circa (la ricetta non indica la quantità di zucchero e sono andata a occhio, per meglio dire alla cieca, visto che la facevo per la prima volta.
250 gr. di farina (per me tipo 2)
4 uova
cannella, chiodi di garofano
Base
Unire ai 200 gr. di mandorle con la pellicina  80 gr. di zucchero, la farina e i 4 albumi, impastare velocemente e riporre in frigo per mezz'ora circa. 
Ripieno
Mescolare le restanti mandorle con 100gr. di zucchero, i 4 tuorli, cannella a piacere e un paio di chiodi di garofano tritati. (causa pigrizia e/o esecuzione velocissima ho messo i chiodi di garofano in poca acqua e ne ho estratto l'aroma, con scarso risultato, sicuramente è meglio polverizzare).

Dividere l'impasto base in due, stendere due dischi, meglio su fogli di carta da forno dato che l'impasto è un tantino appiccicoso, riporre la base nella teglia, disporre il ripieno uniformemente, ricoprire con il guscio, bucherellarlo con la forchetta ed infornare a 180° per 40min. circa.

La torta è MOLTO più buona il giorno dopo, come tutte le crostate. Noi l'abbiamo assaggiata con amici a cena, sfornata da poco ed il profumo delle mandorle non risaltava. I giorni seguenti era più fragrante, mi spiace per gli amici, noi ce la siamo pappata a colazione.

foto con ombra di mano...vabbé

13 commenti:

  1. un'ottima colazione, complimenti!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  2. Ho un debole per i dolci da forno ripieni di frutta secca.
    Questa crostata, poi, farebbe la felicità di mio papà che ama le mandorle. Da riproporre al più presto per le colazioni e merende di casa.
    ciao Su!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, con le leccornie che sforni tu, questa me la fai ad occhi chiusi.

      Elimina
  3. Oltre che integralista sei bravissima! ;) Hai fatto una crostata deliziosa! E ti dirò, avrei voluto essere al posto dei tuoi amici... ;)
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, ma questa è una crostata molto semplice in realtà
      bacioni ricambiati

      Elimina
  4. ho notato anche io che quelle con la pellicina sono più buone forse perchè si conservano meglio

    RispondiElimina
  5. Mi piacciono molto questi dolci della tradizione e la Gosetti è stata una maestra nell'indagare, raccogliere e diffondere il nostro patrimonio culinario nazionale. Mi segno la ricetta. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero la Gosetti è un mito e quel suo libro è pieno di bigliettini nelle pag. delle ricette da provare.
      un abbraccio a te

      Elimina
  6. Sarai anche integralista ma le cose buone le conosci eccome! Spellate o non spellate io adoro le mandorle. Sai come puoi esaltare il gusto e il sapore? Mettendole un attimo in forno o in una padella antiaderente su fuoco bassissimo. Le scaldi un pochino e vedrai che poi hanno molto più sapore e profumano un sacco! Buona la crostata e .... cerca di non sparire più ♥

    RispondiElimina
  7. Semplicemente deliziosa, le mandorle sono veramente un ingrediente eccezionale in cucina, in particolare nei dolci e nelle frolle...
    Grazie per questo goloso suggerimento!
    Un bacio!

    RispondiElimina
  8. Complimenti, che torta golosissima, grazie della condivisione!!!

    RispondiElimina